Mission

Antropostudio è un progetto interdisciplinare ideato da professionisti provenienti da ambiti umanistici e scientifici differenti. La nostra missione ideologica è sviluppare delle attività didattiche ed esperienziali atte alla crescita e alla costruzione culturale e morale dell’individuo. I nostri percorsi rivolti alla crescita della persona si articolano attraverso il principio fondamentale dell’ essere e dell’esperire, per poter quotidianamente riscoprire il proprio livello di autenticità e consapevolezza.

Calendario Attività

archivio
26
Oct
RITIRO ANTROPOLOGICO PRATICHE FILOSOFICO ESPERIENZIALI IN NATURA YOGA , TREKKING, Meditazione in Cammino Natura e misticismo sono due elementi inscindibili in ogni cultura. In ogni religione la montagna sacra appare come un percorso iniziatico per ottenere una sorta di illuminazione, ogni illuminazione giunge attraversando quel limite che distingue il mondo civile dalla natura incontaminata. Li dove finisce la cultura ed inizia la natura dimora il saggio, li dove non si ode la voce dell’uomo risiede l’anacoreta.
19
Oct
Con estremo piacere per il quarto anno consecutivo proponiamo un laboratorio etnografico ed esperienziale a noi molto caro: "LO SCIAMANISMO e l'esperienza estatica" dibattito e laboratorio etnografico sulle tecniche che all'interno di società tradizionali conducono a stati di coscienza alterati. Pratiche primitive in cui attraverso l'estasi l'operatore rituale entra a contatto con la divinità, tematiche comuni a tutte le realtà etnografiche. Analizzeremo con un'ottica Etnografico Comparativa fra diverse culture tutti i punti fondamentali della pratica sciamanica:
29
Sep
Come ogni anno quando le nostre montagne si vestono d’oro per dare il benvenuto all’autunno viviamo insieme questo emozionante evento che ha come protagonista il Cervo. L’intera giornata trascorsa fra le montagne prevede lo studio di questo grande mammifero dal punto di vista Naturalistico ma soprattutto sotto un’ottica Antropologica. Ripercorreremo infatti la storia a ritroso analizzando in cammino la figura archetipica del cervo, dalle grandi epopee venatorie del Neolitico al suo valore rituale simbolico per le popolazioni tribali italiche precristiane. Il Cervo porta con se un immaginario di Avventura, Falvola, Leggenda, è protagonista di miti e interprete di un folclore non ancora andato perduto. I suoi bramiti che durante questo periodo degli amori risuonano dalle vette calcaree alle fitte faggete esprimono la potenza evocativa di questo stupendo animale.

Dicono di Noi

Blog

archivio
Durante il nostro viaggio di esplorazione Antropologica oggi ci troviamo nei Pirenei e vogliamo ringraziare il prezioso gemellaggio Francia/Italia Dott. Nicola Ferrer Responsabile del sito preistorico di Gargas che ci ha accompagnato personalmente nella scoperta di uno dei più importanti siti Paleolitici esistenti. In queste spettacolari grotte sono custoditi alcuni dei più spettacolari esempi di arte rupestre presenti al mondo.
Attimi di grande intensità formativa con alcuni studenti del V Liceo dell'istituto Anco Marzio. Nello scorso anno abbiamo studiato insieme il tema dei passaggi iniziatici in natura e le vie della trascendenza. In questi giorni hanno potuto sperimentare i temi trattati in un coinvolgente laboratorio, vivendo molteplici esperienze in montagna, a contatto con luoghi di fede e natura selvaggia. Questa grande classe verso la quale nutro profonda stima ed orgoglio ha vissuto, sperimentato e combattuto, all'insegna dell'impegno, del coraggio, della condivisione, dell'inclusione. In tutti questi percorsi nessuno è mai stato lasciato indietro e tutti si sono adoperati per un bene comune, inseguendo l'obbiettivo della autoconsapevolezza e l'abbattimento di barriere mentali, paure e preconcetti.
Bisogna essere desti durante il nostro vivere il presente per osservare tutto ciò che la vita ha da offrire, una eccessiva coscienza verso il passato ed il futuro non ci permette di assaporare i singoli istanti fini a se stessi che una volta trascorsi non avranno più nulla da insegnarci. Per questo l’abbandono in natura è essenziale, approcciando a tale filosofia i singoli istanti rappresentano il tutto, nella semplice osservazione di una foglia il passato ed il presente non influenzano la nostra percezione temporanea del mondo perché le nostre risorse sensoriali sono totalmente impegnate nella assimilazione di ciò che la natura ha da insegnarci.